Onoranze Funebri Ivan Trevisin - Treviso

Domande frequenti

Vanno in successione. Contattare il Canile Sanitario di competenza (per ULSS2 si trova a Ponzano V.to).
L’erede a cui pervengono armi è tenuto a darne immediato avviso all’Ufficio Armi in Questura.
Dare immediatamente notizia alla società assicuratrice.
Comunicare il decesso ed informarsi degli usi e/o abitudini dell’ente.
Rivolgersi all’Ufficio Polizia Urbana del proprio Comune per la voltura o la cessazione della licenza ed alla ripartizione tributi per la cessazione o la voltura dei tributi comunali inerenti all’attività. Entro 30 giorni dal decesso richiedere all’Ufficio IVA competente l’attribuzione del nuovo numero di Partita IVA, entro 60 giorni richiedere l’iscrizione alla Camera di Commercio, entro 90 giorni richiedere la voltura delle licenze al Comune, conservare i libri contabili per almeno 10 anni.
Recarsi presso un’agenzia di pratiche automobilistiche per effettuare il passaggio di proprietà.
Contattare il Ministero dell’Industria, del Commercio e dell’Artigianato (D.G.P.I. Ufficio Centrale Brevetti e Marchi divisione II Via Molise, n. 19 00100 Roma e chiedere della II divisione).
Non serve riconsegnarla in Comune, si può conservare.
In caso di morte del conduttore, al contratto succedono di norma gli eredi conviventi alla data del decesso; il decesso del proprietario non produce conseguenze; per gli edifici di proprietà pubblica gli eredi devono essere in possesso dei requisiti indicati nella normativa regionale applicabile.
Rivolgersi immediatamente al Corpo Forestale dello Stato, onde evitare pesanti sanzioni.
Si deve presentare alla sovraintendenza del Ministero dei Beni Culturali ed Ambientali l’inventario di tutti i beni ricevuti in eredità affini a tale ente.
La trasmissibilità agli eredi delle quote di partecipazione possedute dal defunto è regolata dall’atto costitutivo della società. Gli eredi possono avere diritto alla liquidazione della partecipazione oppure subentrare nella società al posto del deceduto.
Va consegnato in Questura.
Se il decesso è causato da un incidente stradale viene sequestrata dagli organi di polizia, altrimenti bisogna farla pervenire alla M.C.
Rivolgersi al più presto presso gli Uffici INPS o ad un Patronato per i lavoratori dipendenti ed autonomi o presso il Tesoro e le Casse di Assicurazione per i lavoratori del pubblico impiego.
Viene consegnata dall’Unità Sanitaria di zona solamente agli eredi legittimi o testamentari.
A seguito dell’entrata in vigore della Legge di stabilità n. 183/2011 dal 01/01/2012 è vietato rilasciare certificati da esibire ad altre pubbliche amministrazioni da parte degli Uffici comunali di Anagrafe e Stato Civile, ma ogni cittadino può sempre rilasciare autocertificazioni anche quando abbia a che fare con istituzioni private in quanto l’autocertificazione ha lo stesso valore dei certificati (art. 46, D.P.R. 445), ma non sono dovuti né imposte di bollo, né diritti di segreteria e non è necessaria l’autenticazione della firma.
L’amministrazione dell’arma di appartenenza provvede in tempi brevi a ritirare dalla famiglia le divise, le armi, i tesserini ed i distintivi di riconoscimento.
Le spese di onoranze funebri sono detraibili dalle imposte di successione (importo massimo € 1.032,91 solo per patrimonio superiore al milione di euro) e dalle imposte sui redditi (importo massimo 19% di € 1.550,00). Le spese mediche e chirurgiche relative agli ultimi 6 mesi di vita del defunto sono deducibili senza limiti massimi dalle imposte di successione se corredate da regolari quietanze.
Rivolgersi ad un commercialista / notaio abilitato.
La legge n. 644 del 02/12/1975 disciplina i prelievi di parti di salme a scopo di trapianto terapeutico. I prelievi sono vietati se in vita il soggetto aveva esplicitamente negato il proprio assenso.
La rendita INAIL è un assegno che spetta agli eredi se il decesso è derivato da infortunio su lavoro, infortunio in itinere o malattia professionale ed è liquidabile a tutti coloro che dimostrino di sostenere le spese funebri.
Entro 5 anni dal decesso occorre verificare il diritto alla liquidazione della retribuzione maturata, mensilità aggiuntive e ferie non godute, indennità sostitutiva del preavviso e trattamenti di fine rapporto o fine servizio.
Rivolgersi all’Ufficio Successioni dell’Amministrazione Postale muniti di delega in carta bollata con firme autentiche in caso di più aventi diritto con nomina presso l’Ufficio Postale di un comune rappresentante, decreto di nomina del tutore/curatore degli eventuali eredi minori, emancipati, interdetti o inabilitati, certificato dell’Ufficio del Registro, verbale di restituzione delle chiavi della casella postale e tessera postale.
Contattare la Direzione Generale SIAE (S.I.S. Ufficio Successioni Viale della Letteratura, n. 30 00144 Roma).
La successione ereditaria rappresenta il passaggio del patrimonio attivo e passivo da un soggetto deceduto ad altri soggetti, gli eredi, ma prima di compiere qualunque atto è opportuno raccogliere informazioni al fine di non vedersi precludere la possibilità di rinunciare all’eredità che può essere accettata in modo puro e semplice, con beneficio di inventario o rinunciata. In mancanza di testamento i beni del defunto spettano agli eredi legittimi, ma la legge pone limiti alla libertà di disporre per testamento tuttavia alcune persone hanno diritto di riceverne una determinata quota; vengono definiti legittimari: il coniuge, anche separato di fatto o consensualmente o giudizialmente ma senza colpa, i figli legittimi naturali ed adottivi e, in loro assenza, gli ascendenti. Se non c’è testamento la legge indica che spetta l’eredità ai parenti fino al sesto grado ed in loro assenza direttamente allo Stato.
Recarsi entro il 30 giugno o il 31 dicembre all’Ufficio Comunale Ripartizione Tributi per la cessazione o trascrizione della cartella esattoriale.
Può essere conservata per ricordo.
Di solito il contenuto del testamento riguarda questioni patrimoniali, ovvero contiene le volontà della persona in merito all’assegnazione dei propri beni, ma possono trovarvi posto anche disposizioni diverse come il riconoscimento di figli naturali, disposizioni per il proprio funerale, per i poveri, o a favore dell’anima.
Se il defunto era utente di luce, gas, acqua, telefono, per la cessazione o la voltura dei contratti è necessario rivolgersi alle rispettive Aziende erogatrici muniti dell’ultima bolletta ricevuta, della lettura degli eventuali contatori e del codice fiscale dell’interessato al subentro.

 

 

Se hai domande, contattaci


    *Richiesti



    Apri una chat
    Siamo reperibili 24/24
    Siamo sempre reperibili 24/24 per fornire consulenza professionale e chiara, basata su esperienza e conoscenze tecniche ed all'occorrenza per redigere gratuitamente preventivi.